Preso male

22 02 2010

Che cazzo vi devo dire, è così. “Invidio chi mi invidia”, scrivevo qualche giorno fa. Sta diventando una partenza pesante, solitaria, gialla. Capisco sempre più come non siano i chilomentri e le distanze a fare il viaggio, come le imprese non siano fisiche, geografiche ma umane, forse psicologiche…..

Ma chi me lo fa fare? Non vedo l’ora di finire i preparativi e partire. Vedere il viaggio negli occhi, dimenticare i rischi, i casini, questo inverno freddo che non sembra finire più e lasciarsi trasportare dallo status di viandante. Sarà un mese…. di paranoia solitaria.





Febbre gialla a Torino

5 02 2010

Epatite, Tifo, Meningite, Rabbia, Tetano e Febbre Gialla. Ho fatto tutti questi vaccini insieme. Il medico mi aveva detto che forse mi sarebbe venuta un po’ di febbre….come non detto. 24 ore di agonia, poca febbre ma la sensazione di essere stato bastonato tutta la notte. Chissà se in città c’è qualcun’altro che combatte con tachipirina un male lontano, un male dei posti caldi mentre qui fuori nevica.

Ad ogni modo, manca un mesetto, non ci sono sponsor, devo cercare copertura assicurativa, non posso rischiare di stare senza. Ascolto in contunuazione questa canzone, la colonna sonora della febbre gialla a torino!





Chi mi guarda dall’alto?

1 02 2010

Ho sempre guardato in alto sapendo bene di avere chi controllava le mie mosse. Ma non è fede, non è misticismo. E’ un dato di fatto che ho imparato a riconoscere nel tempo. A volte non ci faccio nemmeno caso, anche quando le imbarazzanti casualità diventano miracolosi episodi in cui ne esco tutto intero.

Esco dalla città a vedere porzioni di cielo più ampie, guardo in alto e gli dico che forse “a sto giro” è meglio se chiama rinforzi…